3138 visitatori in 24 ore
 361 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Lina Maria Cino

Lina Maria Cino

Scrivo quando le parole mi perseguitano o quando mi ronzano intorno ansiose d'emanarsi.
Le sento, le vedo mettersi in fila. ... (continua)


Nell'albo d'oro:
Quando l'Amore diventa poesia
Quando è il cuore
a parlare scrivere sentire
pensare piangere ridere
allora...
L'amore diventa poesia

Quando il tuo respiro
diventa il mio respiro
quando dalle tue labbra
bevo la gioia del mondo
allora...
L'amore diventa...  leggi...

Gaza... La Morte si arrende
Mi
consegno
sconfitta
alla turbolenta follia del mondo
al silenzio dei vinti
umili
stimati blatte

Mi
pento
al neonato
che succhia
mammella morta

Mi
chino
ai morti scomposti
abbandonati sulle piazze
invocanti
pietosa carezza per...  leggi...

Amore... fermati
...tu sei il sogno io la realtà
due mondi fatalmente attratti
due anime uguali con cieli diversi

non devi cambiare ti voglio come sei
tu... desiderio d'ali per volare,
io... nuvola per farti riposare

Amore, amare è
ritornare...  leggi...

L'ultimo Amore
Arrivasti tu e, non fui più io
svanì il grigio per vestirmi a festa,
specchio riflette aura luminosa
dondolano sogni alle stelle appesi,
Sono... l'ultima amante romantica,

raccogli i miei sogni cullandoli di baci
m'avvolgi l'anima...  leggi...

Alla Fonte
Bambina ho navigato
aggrappata al tenero ricordo
delle tue mani che mi ha mi hanno accarezzata,
dei tuoi occhi azzurri in lacrime annegati...
Abbandonata.
nella paura avviluppata,
col cuore in gola cresciuta,
grido senza voce per l'amore e la...  leggi...

Amati donna!
Fiume tumultuoso sotto pelle
acqua calma cheta in apparenza

Mille riflessioni e turbamenti
nella ricerca della soluzione

Silente ribelle
alla sua morale
Prigioniera e serva
di scelte imposte
Al quieto vivere obbligata

Tu
Vorresti urlare...  leggi...

Lina Maria Cino

Lina Maria Cino
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Vulissa (06/06/2008)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Cielo lacrimia (29/11/2016)

Lina Maria Cino vi propone:
 Quando l'Amore diventa poesia (26/01/2009)
 Amati donna! (15/06/2008)
 Amore... fermati (10/01/2009)

La poesia più letta:
 
Lettera da un bambino mai nato (01/12/2008, 9425 letture)

Lina Maria Cino ha 6 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Lina Maria Cino!

Leggi i 471 commenti di Lina Maria Cino


Autore del giorno
 il giorno 04/01/2020
 il giorno 04/01/2020
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Lina Maria Cino
ti consiglia questi autori:
 Lina Sirianni

Seguici su:



Cerca la poesia:



Lina Maria Cino in rete:
Invia un messaggio privato a Lina Maria Cino.


Lina Maria Cino pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Voglio sentirmi dire tu sei mia

Dello scorrere di una vita, in queste poesie erotiche l’autrice raccoglie e lega i momenti pervasi dall’amore o (leggi...)
€ 2,99


Lina Maria Cino

'Ndrangheta

Dialettali
Paise supra roccia natu,
duce duce a mare stennicchiatu,
riccu assai d'acqua e assiddatu,
de granu e pane riccu, ma ncamatu.

"Sbinnimate le tue ricchizze,
'ncaparrate le tue bellizze".

Ti cuverna manu ccù jirite a cruoccu,
si unn'arrobba assai, arrobba picca,
nun ccè Legge, u Statu,è carne i puorcu,
'ndrangheta e camurra ccì minanu forte.

"Suonnu e ricugliu di tanti migrati
jettatu 'ndra munnizza e 'n'zancatu.

Paise de poeti e allitterati,
canuscianu l'agnielli e li lupi,
peccatu povarielli ca su muti,
pinna 'nsacchetta e vucca cusuta.

"L'omo chi parra, sempre la sgarra,
a stessa sua lingua l'assutterra".

Rira lu latru ca lu sbirru fuja,
'ntona la tufa e sbaiffa canta,
a vinnulera allu mercantu u cunta,
'ntantu te frica e a junta mente.

"Un c'e russure ppè ffà sa primera,
sulu i fissa scartanu a dinari"

Cammise janche, catine d'oru 'ncuollu
Ccù na cruce appisa e nunn'è jiesa,
azzimati, cunchjusi, fasulli e cortesi,
'ntramati ad'ogni luocu e impresa.

"Si quattru latruni curcali a juhjjuni,
ca aria chiara unn'à paura e truoni"

Si un divacarsseru è stentine a mare,
si ppè le vie un cè fossa munnizza,
si de fogna fietu un se ventassa,

si l'acqua u nsa vinnissinu,
si un cì scappassa u muortu,
tu ca sì terna scugna, paravisu forra.

"unn'è sulu lordia ca te sbrigogna,
è malendrineria, sa fetenzia"

Aza la capu, paisiello miu,
e nova bandiera 'nchiazza,
dichiara guerra e guerra sia
alla vrigogna di la camurria.

"Megliu na sula vota arrussicare,
ca cientu vote, cientu gnelenire"

Pue, si miannula jura, miraculu crisci,
e jirite 'ncroccate, si su stennicchiate
Servanu manu aperte nette a tese,
alla bravagente e ssù paise.

-
Paese nato sopra una roccia,
dolcemente verso il mare disteso,
ricco assai d'acqua e assetato,
di grano e pane ricco ma affamato.

"Dissipate le tue ricchezze,
accaparrate le tue bellezze".

Ti governa mano con dita adunche,
quando non ti ruba tanto ti ruba poco,
non c'è Legge, lo Stato è carne da macello
'Ndrangheta e Camorra ci marciano forte.

"Sogno e meta di tanti emigrati,
gettato nell'immondizia e infangato".

Paese di poeti e letterati,
conoscono gli agnelli e i lupi,
peccato, poverini, che son muti,
biro al taschino, e bocche cucite.

"L'uomo che parla, sempre la sgarra,
la stessa sua lingua lo sotterra".

Ride il ladro e lo sbirro scappa,
una pistola intona e l'altra canta,
l'ortolana al mercato lo racconta,
intanto ti frega e a piene mani mente.

"Non è male guadagnare il doppio,
solo i fessi chiedono il giusto prezzo".

Camice bianche, catene d'oro al collo,
con croce appesa, ma non è chiesa,
azzimati, garbati, fasulli e cortesi,
intessuti in ogni luogo e impresa.

"Questi ladroni puoi stenderli a soffioni,
l'aria chiara non deve temere dei tuoni"

Se i depuratori, non tracimassero, in mare,
se per le strade non ci fosse immondizia,
se le fogne non ammorbassero l'aria,

se non si vendessero l'acqua
se non ci scappasse il morto, se... se...
tu che sei eterna primavera, saresti paradiso.

"Non è il lordume che t'insozza,
la vera 'fetenzia' è la malandrineria",

Alza la testa paesello mio
e nuova bandiera in piazza,
dichiara guerra e sia
alla vergogna della camorra.

"Meglio arrossire una sola volta,
che cento volte cento impallidire"

Poi, se il mandorlo fiorirà il miracolo ci sarà,
le dita artigliate, si distenderanno.
Servono mani oneste, aperte e tese,
alla brava gente del mio paese.
Club Scrivere Lina Maria Cino 18/09/2008 09:38| 4| 3742

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«Il sogno di ritornare al proprio paese dopo quarant'anni, resterà solo un sogno. come vivere sottomesse alla mentalità mafiosa?»


 
I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«E' un concentrato di rabbia ben espressa, in una girandola di citazioni di saggezza popolare da far invidia a Ciccio De Marchi. E' il pensiero riassunto nella nota dell'Autore è quello che scardina la volontà d'ogni calabrese che sogna di tornare al paese dopo tanti anni passati altrove. E induce anche rimorsi: se volevamo davvero che le cose cambiassero non avremmo dovuto partire. (Il mio paese lo sogno spesso anche se quando ci abitavo, mille anni fa, la solfa era: "Chist'è ru paise du scunfuòrtu: o chiova, o mina bbientu o son'a muortu!..."»
Benito Ciarlo (18/09/2008) Modifica questo commento

«per me che sono di brescia queste realta' sono sconosciute anche se da noi ce ne sono altre, di ruberie. per me questa realta' è sconosciuta e vive solo nei bollettini dei telegiornali tanto che il "sentire" di noi nordisti verso la calabria è di un paese straniero: una cosa che mi fa male. grazie.»
Jo Spurs (18/09/2008) Modifica questo commento

«La poetessa esprime con forti parole, la propria rabbia verso la vile gramigna che assale e tenta di strozzare la brava ed onesta gente e la splendita terra calabrese. Si sentono parole di speranza e di riscossa. Nella lirica si evince un forte amore per la propria terra. Brava, anzi di più. Ritorna in quella terra stupenda anche dopo quarantanni. Fai come ho fatto io con la mia amata Sicilia, dopo quarantacinque sono rientrato e, credimi, la nostra terra ha bisogno anche di noi "miseri poeti". Insieme contro tutte le mafie, fino alla morte!»
Club ScrivereSalvatore Azzaro da Giarratana (12/11/2008) Modifica questo commento

«Il male più grande non viene da chi lo compie... ma di chi non compie il bene... e lo stato ne sa qualcosa... ma di sicuro... meno dell'autrice... che soffre... Bellissima...»
Ernesto (16/12/2008) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it